ThailandiaThailandia
Forgot password?

Thailandia del Nord

Punto di partenza del tour nel Nord della Thailandia è Bangkok, per ragioni logistiche e culturali, esattamente come avviene nel caso in cui abbiate scelto il Centro.

Nella capitale è quasi d’obbligo trascorrere un paio di giorni per vedere il Palazzo Reale, che ospita il tempio buddhista Wat Phra Keo con la veneratissima statua del Buddha di Smeraldo; il Wat Pho e la sua antichissima scuola di massaggi thai; i mercati galleggianti lungo i khlongs, i celeberrimi canali; le vie dello shopping e la sua Chinatown.

Elefanti di Chiang Mai

Dalla capitale, per procedere verso Nord, potete scegliere diversi mezzi di trasporto: da un volo interno all’autobus passando per i taxi.

Il percorso piu’ affascinante per dare inizio al vostro viaggio è con il treno che percorre, in giornata o durante la notte, gli 800 chilometri che separano Bangkok da Chiang Mai, la capitale della Thailandia del Nord.

Quest’antichissima città, seconda solo a Bangkok per importanza e popolazione, ospita tra le sue mura e nei suoi dintorni, centinaia di templi buddhisti tra i piu’ importanti e venerati dalla religione thai.

Immancabili mete sono il Wat Phan Tao, il cui vihara interamente in legno contiene centinaia di sacre immagini di Buddha e il Wat Phra Singh, dall’interno riccamente decorato che ospita la statua di Buddha piu’ adorata a Chiang Mai.

Facilmente raggiungibile da Chiang Mai, é il monte Doi Suthep, sede di un Parco Nazionale dove, tra spettacolari cascate e un’immensa varietà di flora e fauna, sorge uno tra piu’ venerati templi buddhisti di tutta la Thailanda: il dorato Wat Phrathat Doi Suthep domina Chiang Mai offrendone un panorama mozzafiato.

Il principale fascino di Chiang Mai sta nell’essere attraversata dal fiume Mekok che potrete navigare su piroga ammirando scenari naturali unici fino a raggiungere il cuore del Nord. La visita alle etnie indigene di questa regione collinare quali gli Akha, i Lisu con le loro vesti multicolori, e i Karen celebri come l’etnia delle donne-giraffa per via degli alti collari a spire metalliche da loro indossati.

Questo itinerario tocca il suo punto più settentrionale con la cittadina di Mae Sai, confine e facile punto d’accesso al Myanmar ed alla regione del cosiddettoTriangolo d’Oro.

Per concludere l’itinerario, tornati a Chiang Rai prendete un volo interno per raggiungere rapidamente il vero gioiello storico e artistico di questa regione: le rovine dell’antichissima città di Sukhothai, classificate Sito Patrimonio dell’Unesco grazie alla loro maestosa bellezza. Il Parco storico di Sukhothai ospita le numerose vestigia di edifici e templi buddhisti che fino ad oggi sono state rinvenute.

CONTATTACI per ricevere subito le nostre proposte di viaggio e vacanze in Thailandia!